Oppure

Loading
07/12/16 20:41
lumo
Stavo cercando di capire come funziona il telefono di casa, quello con filo collegato con (penso sia un RJ11) alla linea telefonica.
Dove trovo informazioni sul protocollo usato dal telefono per stabilire connessioni ed effettuare la comunicazione?
Ho provato un po' a guardare in giro su google e wikipedia ma non sapendone nulla non so bene dove andare a cercare.
Ultima modifica effettuata da lumo 07/12/16 20:42
aaa
07/12/16 23:58
Roby94
Che interesse hai nell'ambito delle reti? Solo una banale curiosità di come funziona il telefono a livello base, o un interesse più profondo di carattere tecnico e ti piacerebbe sapere come è strutturato a ogni livello il sistema di telefonia? Nel secondo caso non ti posso che consigliare Reti di calcolatori di Andrew S. Tanenbaum, David J. Wetherall ISBN-13: 978-8871926407 un must per quanto riguarda le reti.
aaa
08/12/16 8:43
nessuno
Parliamo di voip o no?
Ricorda che nessuno è obbligato a risponderti e che nessuno è perfetto ...
---
Il grande studioso italiano Bruno de Finetti (uno dei padri fondatori del moderno Calcolo delle probabilità;) chiamava il gioco del Lotto Tassa sulla stupidità.
08/12/16 17:45
Template
Roby ti ha già consigliato dove guardare... un altro testo interessante se ti piacciono le reti è "Reti di telecomunicazione" di Achille Pattavina, che spiega il funzionamento delle reti usando come esempio proprio la rete telefonica.
Ultima modifica effettuata da Template 08/12/16 17:46
aaa
08/12/16 17:58
lumo
Più che le reti in generale (che prima o poi comunque dovrò sorbirmi) mi interessava proprio il telefono, semplice curiosità.
Cioè se attaccassi un sensore al posto della base del telefono che segnali leggerei?

Riguardo a voip o no, come faccio a saperlo? Quello che so è che il telefono e il router sono entrambi attaccati a un coso tipo questi: en.wikipedia.org/wiki/… e poi questo alla "presa con tre buchi".

Quindi suppongo che il telefono non comunichi attraverso internet.

Quanto è possibile capire il protocollo utilizzato senza dover entrare troppo nello studio di tutta la infrastruttura? Anche perché immagino che se dal mio fisso chiamo ad esempio un cellulare, in mezzo da qualche parte ci sia un interfaccia tra protocolli diversi che li fa comunicare, quindi le cose diventano piuttosto complesse.
aaa
10/12/16 17:18
Roby94
Postato originariamente da lumo:
Quanto è possibile capire il protocollo utilizzato senza dover entrare troppo nello studio di tutta la infrastruttura? Anche perché immagino che se dal mio fisso chiamo ad esempio un cellulare, in mezzo da qualche parte ci sia un interfaccia tra protocolli diversi che li fa comunicare, quindi le cose diventano piuttosto complesse.

Diventano complesse si, proprio perché non ti trovi davanti ad un singolo protocollo ma una pila di protocolli. Puoi partire da quello base dell'ADSL HW che impone uno specifico utilizzo delle bande di frequenza dei segnali passanti sul doppino
kitz.co.uk/adsl/images/…
Puoi scartare tutte le frequenze sopra i 4KHz(dedicati alla DSL) e dedicarti ai segnali a frequenze inferiori, i segnali che trasportano effettivamente le comunicazioni telefoniche fisse.
E qui parte la lista di protocolli che sono stati adottati negli anni e nei vari paesi, fermarsi a studiare a cosa passa in 4kHz di banda puoi capire sia molto limitante, ci troverai poco e niente, la parte interessante arriva quando quei 4kHz vanno multiplati per tutti i condomini del tuo palazzo e poi per tutti i condomini del tuo quartiere, per tutte i quartieri della tua città, per tutte le città della tua regione e cosi via fino a dover procedere con il sistema inverso per arrivare al destinatario della tua chiamata.
Sinceramente è da molto che ho finito di studiare la rete telefonica e non ricordo se la digitalizzazione del segnale avvenga nell'armadietto o già nell'apparecchio, ma se dovessi scommettere scommetterei sulla prima.

Se come dici prima o poi ti dovrai imbattere nello studio delle reti, tanto vale che inizi ad attrezzarti. Il Pattavina era il libro consigliato per il mio corso di reti, il professore non faceva che elogiarlo, non perdendo occasione di sputare sul Tanenbaum. Io parlo per esperienza diretta consigliandoti il Tanenbaum, ma non ho mai trovato un commento di delusione riguardo il Pattavina. La differenza sostanziale la puoi trovare nella rosa di argomenti trattati.
aaa